calcio

Andare in basso

calcio

Messaggio  crudelia il Gio Dic 27, 2007 11:17 am

DINHO-MILAN ALLA LUCE DEL SOLENON E' PIU' SOLTANTO UNA VOCE, IL BLAUGRANA 'SPORT': "ROSSONERI IN ATTESA"
Un altro segnale, forse il più esplicito possibile. Il quotidiano 'Sport', una sorta di voce semiufficiale del Barça, 'strilla' un titolo molto significativo: "Il Milan aspetta notizie su Ronaldinho". L'ammissione di un interesse sempre più pressante che suona quasi come una conferma dell'ipotesi di una trattativa che porti il brasiliano in rossonero già a gennaio. Le possibilità sono concrete.
Messi difende il brasiliano
"Fischi ingiusti, lui è il migliore al mondo"
Ronie-Flamengo, si può
Ma il Milan smentisce l'autorizzazione

-----

Cellino ha deciso: via Sonetti, torna Ballardini
Manca solo l'ufficialità per l'esonero del tecnico
Le telenovela Cagliari-Sonetti è giunta al termine: Massimo Cellino ha deciso di esonerare il tecnico. La notizia non è ancora ufficiale per questioni logistiche. La squadra si è sciolta in vista delle vacanze natalizie al termine della sfida contro la Fiorentina, Sonetti è tornato a Bergamo e il presidente era a Cagliari.
Cellino ha ormai deciso dopo la batosta subita a Firenze (1-5). Basta con Sonetti. Anche se lui ha commentato: "Non ne so niente. Cellino non mi ha comunicato niente. E io dopo la gara sono tornato a casa per le feste di Natale". Adesso viene il bello. Perché dopo aver respinto le dimissioni del tecnico appena una settimana fa, Giampaolo si è rifiutato di tornare. Ma ora è lo stesso numero uno rossoblù a cacciarlo.
Il papabile per la panchina? Per il futuro del suo Cagliari, Cellino, starebbe ripensando al ritorno di Davide Ballardini, tecnico che ha già ingaggiato ed anche esonerato dopo le 5 sconfitte e i 4 pareggi racimolati dal tecnico nella stagione 2005-06.
Il nome di Ballardini, però, potrebbe essere solo un soluzione temporanea. Cellino potrebbe affidarsi ad allenatori di esperienza e grande personalità come Claudio Gentile, ex ct dell'under 21, ma anche tecnici di carattere e con una gran voglia di emergere come Antonio Conte e Bruno Giordano. Nelle prossime ore se ne saprà di più, ma l'avventura di Sonetti sulla panchina rossoblu pare possa considerarsi davvero conclusa.

-----

TUTTI IN VACANZA, SI LAVORA DAL 2008
Inter e Milan a Dubai, Juve a Malta
Mega riposo per la Roma: raduno il 4/1
Chiuso il 2007 agonistico, è tempo di vacanze per le squadre della massima serie. Tranne il Catania, che tornerà al lavoro il 29, tutti riprenderanno la preparazione con l'anno nuovo. Inter e Milan andranno ad allenarsi al caldo in Dubai, mentre la Juve andrà a Malta, sperando possa portare la stessa fortuna che portò l'anno scorso ai rossoneri. Maxi riposo per la Roma: tornerà ad allenarsi solo il 4 gennaio.
Ora tutti in vacanza: chi contento per aver chiuso alla grande il 2007, chi un po' deluso dopo il ko natalizio, ma con la voglia e la speranza di vivere un 2008 positivo. Proprio dopo aver brindato all'anno che verrà, praticamente tutte le nostre squadre torneranno ad allenarsi, in vista della ripresa del campionato del 12/13 gennaio. Il 2 è il giorno del ritorno in campo delle due milanesi e della Juventus.
Inter e Milan andranno in tourneè a Dubai, dove disputeranno anche un paio di amichevoli, per cercare il caldo e mettere nelle gambe l'energia giusta per la seconda e decisiva parte di stagione, con campionato e Champions da provare a conquistare. I bianconeri, invece, prima faranno cinque giorni di preparazione a Vinovo, poi andranno a Malta dal 7. Una meta che lo scorso anno portò bene ai rossoneri, poi trionfatori ad Atene ed autori di una grande rimonta in Italia, fino al terzo posto.
Spalletti, invece, ha deciso di rimanere a Trigoria e, soprattutto, ha dato un riposo lunghissimo alla sua Roma: i giallorossi, in ferie già da domenica per l'anticipo, si ritroveranno solamente il 4 gennaio, più tardi rispetto a tutte le altre squadre. Andrà all'estero anche il Palermo, che andrà in Siviglia dal 4 all'11, mentre la Fiorentina sarà a Marbella dal 2 al 9 e l'Udinese a Cipro dal 3 all'11.

-----

Adriano, è proprio un altro mondo
Il presidente del S.Paolo: "Divertiti"
Adriano in compagnia di Ronaldo, birra e donne: le foto dell'Imperatore diffuse in questi giorni non hanno turbato Carlos Augusto de Barros Silva, vicepresidente del San Paolo. "Adriano in questi giorni è in vacanza, è giovane e trovo assolutamente normale che esca la sera e vada a divertirsi. Non abbiamo nulla da ridire a questo proposito - ha detto il dirigente - l'importante è che abbia cura di se stesso".
Davvero un altro vivere, per Adriano. Considerando l'impatto che certe immagini avrebbero avuto all'Inter e in tutto l'ambiente calcistico, il trasferimento nel club biancorossonero si rivela per l'Imperatore un toccasana ancora prima di sfiorare il campo. Nessuna polemica, anzi, una sorta di incoraggiamento a vivere in maniera spensierata i suoi 25 anni per poi presentarsi sereno all'appuntamento con il pallone. "Noi abbiamo fiducia in Adriano - ha aggiunto il vicepresidente della squadra campione del Brasile - e crediamo che sia una persona responsabile".
avatar
crudelia
Moderatori
Moderatori

Numero di messaggi : 213
Età : 60
Localizzazione : Cambiago
Data d'iscrizione : 13.12.07

Visualizza il profilo http://miciamiciotta.blogratis.net/

Torna in alto Andare in basso

Re: calcio

Messaggio  crudelia il Ven Dic 28, 2007 11:02 am

Ronaldo e Ronaldinho scaldano il mercato Milan
Saltato il summit col Flamengo per il Fenomeno, si parla di un vertice con il blaugrana
Era prevedibile. I propositi di Kleber Leite, ambizioso vicepresidente del Flamengo, riguardo all'incontro con Adriano Galliani (in vacanza a Rio) sono svaniti nel giro di 24 ore. Nessun faccia a faccia. O meglio, Milan e Flamengo non si troveranno di fronte per parlare del futuro del Fenomeno, ma in queste ore, di vertici di mercato - veri o presunti -, ce ne sono stati o ce ne saranno almeno un paio.
Da una parte quello di Angra dos Reis, la località balneare dove Kleber Leite ha dato appuntamento per domenica a Ronie e al suo agente Fabiano Farah. Obiettivo: convincere il giocatore ad accettare il trasferimento al club di Rio, "una proposta economicamente vantaggiosa" secondo il vicepresidente del Flamengo, che punta a coinvolgere l'attaccante anche in un progetto a sfondo sociale: "Non abbiamo bisogno di incontrare emissari dei rossoneri, sarà Ronaldo a trattare col Milan per avere il via libera".
Per ora in via Turati non c'è alcuna intenzione di mostrarsi possibilisti sull'affare, anche perché - qualora Ronie dovesse davvero partire - il Milan avrebbe il problema di trovare al volo un sostituto. E qui si inseriscono le voci sul secondo summit (che in questo caso sarebbe addirittura già avvenuto, nella notte), che vede protagonista proprio la società rossonera e forse, addirittura, lo stesso Galliani.
Non si parla di Ronaldo, bensì di Ronaldinho, atteso in Europa per Capodanno ma in questi giorni in Sudamerica prima per una partita di beneficenza, in Argentina, poi per qualche giorno di riposo. in Brasile. E a Porto Alegre, a casa dell'attaccante blaugrana, sarebbe avvenuto l'incontro fra gli emissari del Milan e Roberto de Assis, il fratello-procuratore di Dinho (forse anche lui presente). Il tutto mentre Ernesto Bronzetti, consulente di mercato rossonero, partiva per una vacanza con destinazione, manco a farlo apposta, la Catalogna.
Quanto basta per scatenare nuove voci, malgrado le smentite dello stesso Roberto de Assis. Secondo Tv3, emittente catalana, sarebbe stato infatti lo stesso Ronaldinho a confidare, durante l'amichevole argentina dei giorni scorsi, l'imminenza del summit con il Milan.

-----

Rinforzi Inter: Vieira, Figo e (forse) Stankovic
A Dubai Mancini riavrà i grandi infortunati di questo inizio di stagione
A gennaio l'Inter avrà dei rinforzi. La corazzata nerazzurra, inarrestabile in campionato, ha bisogno di nuovi innesti. Questa almeno l'opinione di Roberto Mancini. In attesa di eventuali colpi di mercato, i rinforzi arriveranno eccome, senza bisogno di fare investimenti. A Dubai, dal 2 al 7 gennaio, il tecnico di Jesi avrà di nuovo a disposizione almeno 2 pedine fondamentali del centrocampo, e ci sono buone possibilità di riaverne anche una terza.
Parliamo ovviamente di Vieira, Figo e Stankovic. Il francese è il grande assente di questo inizio di stagione interista. Tre sole presenze, uno stop, poi una breve ripresa, quindi un altro ko. L'ultima volta nel tabellino risale al 23 ottobre, Cska-Inter. Pochi minuti, prima del nuovo infortunio. "E' stato frustante" ha ammesso l'ex juventino. "Non c'è niente di peggio che giocare qualche partita, infortunarti per un mese e mezzo, rientrare e farti male di nuovo". Per l'Inter, recuperare Vieira sarà un po' come avere un uomo in più, dato che finora Mancini ha dovuto fare a meno di lui praticamente sempre.
L'altro che dopo Capodanno tornerà sicuramente in pista è Figo. Il portoghese è a posto dopo la frattura al perone riportata in Juventus-Inter (scontro con Nedved, e successive polemiche). Incidente che ha tolto all'Inter il suo trequartista principe, ma che ha permesso a Mancini di (ri)scoprire, fra un acciacco e l'altro, il talento di Jimenez.
Infine Stankovic. Per lui la trasferta negli Emirati Arabi servirà per fare il punto della situazione. Occorre verificare se la terapia ai raggi X queste settimane per debellare definitivamente la tallonite che lo sta tormentando da mesi. Altrimenti sarà necessario l'intervento chirurgico e allora i tempi di recupero diventeranno necessariamente lunghi: almeno altri tre mesi.

-----

La Roma ha un sogno: Adrian Mutu
Il rumeno idea per giugno, se dovesse partite Mancini. Affare comunque difficile
Molte delle strategie di mercato della Roma dipenderanno dal futuro di Amantino Mancini. Se il brasiliano lascerà Trigoria, dalla sua cessione arriveranno risorse fondamentali per mettere a segno qualche colpo importante. Lo sguardo è rivolto non all'immediata riapertura del mercato, bensì all'estate, a giugno, quando la dirigenza giallorossa saprà con certezza quali saranno gli impegni per la stagione 2008/09, ovvero se la squadra avrà ottenuto o meno la qualificazione diretta alla Champions League.
C'è un giocatore sul quale la famiglia Sensi investirebbe senza pensarci più di tanto tutti i soldi provenienti dall'affare Mancini. E' Adrian Mutu, il rumeno legatissimo alla Fiorentina (tanto da aver rifiutato in estate una ricca proposta del Barcellona), ma tenuto sotto stretta osservazione nel caso in cui i suoi rapporti con l'ambiente viola e i Della Valle dovessero improvvisamente incrinarsi.
La Roma offrirebbe all'ex juventino un ingaggio più alto rispetto al milione e mezzo attualmente percepito a Firenze, ma, come detto, non si tratta più di tanto di una questione di soldi. Arrivare a Mutu è dura, durissima. Il club giallorosso ci proverà comunque, sperando che un bel sogno possa diventare realtà.
avatar
crudelia
Moderatori
Moderatori

Numero di messaggi : 213
Età : 60
Localizzazione : Cambiago
Data d'iscrizione : 13.12.07

Visualizza il profilo http://miciamiciotta.blogratis.net/

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum